Cesena

cesenaNell’entroterra romagnolo spicca per storia e cultura, Cesena, città d’arte dall’inconfondibile impronta malatestiana, meta imprescindibile non solo per i suoi importantissimi monumenti storici, ma anche per l’incalcolabile valore, a livello internazionale, del comparto agroalimentare. Affacciata sull’Appennino romagnolo, a poco più di una quindicina di chilometri da Cesenatico, a metà strada tra mare e colline, Cesena è un piccolo scrigno racchiuso in un’antica cinta muraria. Il centro storico completamente restaurato è una mirabile processione di palazzi, chiese e musei che custodiscono opere d’arte di raffinata fattura; di sicuro fascino anche la splendida Rocca Malatestiana, una delle più imponenti in terra di Romagna, oggi sede del Museo di Storia dell’Agricoltura. Tappa d’obbligo e indubbiamente la Biblioteca Malatestiana, realizzata a metà del XV° secolo su progetto dell’architetto Matteo Nuti, allievo di Leon Battista Alberti, un capolavoro tanto prezioso da meritare l’inserimento nel Programma Unesco Memoria del Mondo. Un reperto di eccezionale importanza che Novello Malatesta decise di donare al comune, dunque prima biblioteca civica d’Italia, nonché unico esempio di biblioteca conventuale umanistica perfettamente conservata nella struttura, negli arredi e nella dotazione libraria. Tanti, infine, nell’intera provincia, i percorsi enogastronomici, le offerte inerenti il settore del benessere e delle terme.